Non ci sono parole adeguate. Addio Tommy, sarai sempre con noi, nei nostri cuori.

Prossime pubblicazioni



Ho deciso di cominciare a segnalare qui le date di pubblicazione degli episodi già pronti, sfruttando così la possibilità offerta da Blogspot di programmare in anticipo la pubblicazione automatica dei post.

Tanabrus

venerdì 19 settembre 2008

009

Kharon si fermò per osservare il tempio, o almeno la fiancata davanti alla quale era sbucato.

La costruzione era indubbiamente massiccia, eretta con grandi blocchi di marmo nero. Non che fosse il colore più allegro possibile per un tempio, ma il ragazzo poteva facilmente immaginare come tale scelta fosse stata plausibilmente dettata dalla vicinanza al vulcano, e dal voler prevenire che qualche fuoriuscita di zolfo e cenere danneggiasse il candore di un tempio in pietra bianca.
Alla propria destra, laddove la costruzione si produceva in un angolo, poteva scorgere il bagliore di una torcia provenire da dietro il muro.
Cercò con lo sguardo un passaggio in quel muro nero, ma per quanto i suoi occhi fossero capaci di vedere molto bene anche al buio non riuscì a trovare alcun varco.

Si guardò intorno per controllare che non vi fossero occhi indiscreti, quindi si avvicinò silenziosamente alla parete per provare ad osservarla più da vicino.
Niente, se vi era un passaggio era celato perfettamente alla vista, e a meno di non conoscerlo sarebbe stato impossibile trovarlo di notte.
E questo nell'eventualità dell'esistenza di un simile passaggio... non era nemmeno da escludere, infatti, la possibilità che i pirati avessero condotto la prigioniera direttamente attraverso l'entrata principale. I viaggiatori e i fedeli non dovevano venire a conoscenza di questi traffici, ma le guardie magari potevano esserne al corrente, o godere di estrema fiducia da parte dei sacerdoti.

-Non resta che l'ingresso principale, allora.

Sussurrando il proprio disappunto, si preparò a tentare di infiltrarsi all'interno del tempio. L'incantesimo utilizzato sulla nave pirata lo aveva stancato parecchio e dubitava di riuscire ad utilizzare diversi incantesimi di basso livello in sequenza per passare oltre le guardie che di sicuro controllavano l'ingresso.
D'altronde utilizzare un incantesimo superiore era fuori di discussione: qualche sacerdote avrebbe potuto accorgersi della magia in atto, e inoltre a questo punto cominciava a temere che le voci nascondessero un fondo di verità, e quindi che ci potessere essere anche qualcun altro in grado di avvertire magie così potenti.
Non gli restava che ricorrere a meno incantesimi possibili, e affidarsi per il resto alla sua abilità.

-Onprutheo

Dopo aver pronunciato questa parola rimase un attimo immobile, come intontito. Utilizzare l'incantesimo di invisibilità gli procurava sempre quella reazione di smarrimento, che era anche però l'unica prova che possedeva del successo della magia. Infatti lui, anche sotto l'effetto dell'incantesimo, continuava a vedersi normalmente. E solo quando arrivava davanti ad un'altra persona poteva scoprire se era divenuto effettivamente invisibile o meno. Quindi accettava di buon grado quel momentaneo smarrimento che aveva imparato essere indice di successo in quel particolare caso.

Ora che era invisibile, doveva però prestare attenzione a non tradirsi altrimenti.
Il fatto che non lo potessero vedere non lo poneva al sicuro, anzi avrebbe fatto si che eventuali rumori estranei venissero trattati con grande sospetto, così come infausti contatti o oggetti in movimento.

Si incamminò quindi lentamente verso la luce.

La luce crebbe in intensità fino a divenire la luce prodotta da un braciere posto davanti all'ingresso del tempio, nel mezzo della strada che dal mercato portava fino a lassù, e da diverse torcie appese agli appositi sostegni infissi nella pietra del tempio.

Se la fiancata gli era parsa maestosa, vedere la parte frontale lo lasciò senza parole, per quanto la stesse vedendo in condizioni di luce pessime.
L'ingresso era privo di porte o mura, e solo cinque larghi scalini di marmo lucente lo separavano dalla strada.
L'ingresso era coperto ai fianchi da impenetrabili pareti, una delle quali era quella che dava sul fiume segreto, ma l'ampio passaggio della larghezza di una sessaantina di piedi era occupato in buona parte da imponenti ed affusolate colonne nere, il cui diametro si restringeva mentre salivano verso il soffitto.
Soffitto che non rusciva a distinguere bene, per quanto gli sembrasse ricperto di strani segni. Dipinti, probabilmente, o bassorilievi.

Aveva sentito dire che sopra al tempio, dalla strada, si potessero vedere la statua di Dahvjin e dei suoi guerrieri di fiamma, ma tra l'oscurità della notte e la luce del braciere che quasi lo abbagliava non potè controllare la veridicità di tale affermazione.

Le guardie che riusciva a vedere erano quattro.

Due se ne stavano immobili e impettite ai lati del braciere, a torso nudo. Notò come il loro abbigliamento fosse identico a quello del ragazzo che aveva conosciuto la sera precedente. Probabilmente quindi anche loro appartenevano a quell'ordine di guerrieri votati al Dio del fuoco, guerrieri temuti e rispettati. I Guardiani della Fiamma.
Le loro spade riposavano tranquille nei rispettivi foderi, ma nelle mani stringevano lunghe lancie la cui base poggiava a terra.
Gli altri due invece si trovavano tra le colonne, appoggiati ad esse di schiena ed intenti a parlottare tra di loro.

Nessuno si aspettava visite, parevano totalmente rilassati.

Inspirando profondamente, Kharon cominciò a muoversi tra i Guardiani per superarli ed entrare nel tempio.

4 commenti:

Sean MacMalcom ha detto...

:D Grandioso!

Tanabrus ha detto...

Ho notato che in questa storia sto prendendo le cose più con calma, contrariamente a quanto facevo sull'altro sito dove invece cercavo di sveltire le trame in modo da avere nu colpo di scena (o almeno una situazione importante) quasi ad ogni episodio.

A voi come pare meglio? Così, o come era prima? (Nel qual caso cercherei di sveltire un poco la narrazione, dai prossimi numeri che scriverò)

Sean MacMalcom ha detto...

Secondo me devi scrivere come ti senti più a tuo agio di fare.
Se ti piace questo stile continua così! Se vuoi sveltire, fallo pure!
Non lasciarti influenzare dall'esterno... scrivi come ti piace fare!

Palakin ha detto...

concordo!

I mondi di Tanabrus - Template Design | Elque 2007